MCP Advisory

FAQ

Home »  FAQ

fcorporate

Frequently Asked Questions

In questa sezione trovi le domande, con le relative risposte, ai quesiti posti più frequentemente da chi cerca finanziatori o da chi intende aderire ad un progetto di finanziamento.

Gli investitori non professionali  sono invitati ad approfondire la sezione normativa  https://www.mcpadvisory.it/normativa e la pagina https://www.

mcpadvisory.it/limiti-di-responsabilita/  dove sono riportate le limitazioni di responsabilità per l’adesione ai progetti. Anche se non obbligatorio Management Capital Partner S.r.l. ha predisposto due questionari  “obbligatori” per gli “investitori non professionali“,  per verificare il loro livello di conoscenza di ciascuna operazione proposta e misurare la consapevolezza da parte dell’aderente di partecipare ad un progetto che può determinare la perdita dell’intero capitale investito. Le risposte del secondo restituiscono un risultato che può essere: appropriato oppure non appropriato. Il risultato può essere stampato ed è utile soltanto per ciascuna operazione proposta.

1.

Che cos’è il crowdfunding?

E’ un’iniziativa che prevede la raccolta di fondi (funding), realizzato prevalentemente (anche se non esclusivamente) on-line, che vede il coinvolgimento di molte persone (crowd – folla) le quali effettuano versamenti in denaro anche di modesta entità, per sostenere un’iniziativa benefica, un singolo progetto oppure  un’azienda.

A seconda del tipo di crowdfunding i partecipanti potranno assumere il ruolo di:

  • soci o azionisti  (equity crowdfunding) 
  • prestatori/finanziatori  (lending crowdfunding)
  • donatori e sostenitori (donation e reward crowdfunding)

Aderendo alle operazioni entri proposte dal portale   https://www.leonardoequity.com/ entri nel capitale sociale della Società Richiedente , pertanto il tuo rendimento è legato agli utili della Società.

Aderendo alle operazioni proposte in questo portale non entrerai nel capitale sociale della Società Richiedente; assumerai  lo status di prestatore o finanziatore, pertanto il tuo rendimento è

sarà legato al tasso d’interesse riconosciuto dalla suddetta società.  A tutela dell’investitore non professionale, la società ammette solo progetti che prevedano il rimborso mensile o trimestrale del capitale e degli interessi, al fine di misurare e monitorare  la regolarità e la puntualità dei rimborsi. La puntualità del pagamento delle rate o quote (capitale + interessi)  non è direttamente legato al risultato di bilancio della Società richiedente. Una Società infatti, può chiudere un bilancio in perdita ma onorare le rate dei finanziamenti  precedentemente contratti.

Se aderisci al terzo portale,  http://www.leonardolending.eu/ sei un donatore, che può o meno ricevere una ricompensa, quando prevista dal soggetto che ha pubblicato il progetto per il quale chiede supporto.

Questo portale, ( https://www.mcpadvisory.it/) ,  https://www.leonardoequity.com/ e  http://www.leonardolending.eu/  sono di proprietà di  Management Capital Partner s.r.lwww.mcpadvisory.it

2.

Chi può presentare un progetto su mcpadvisory.it?

Il progetto può essere presentato da tutte le società di capitali  che hanno una storia di successo e vogliono raggiungere nuovi traguardi.

3.

Vi sono settori preferiti o esclusi?

No, tuttavia M.C.P. ha voluto definire una griglia di valutazione preliminare su settori che ritiene più sensibili . Visita la pagina https://www.mcpadvisory.it/valutazione-dei-progetti/

4.

Ci sono soggetti che non possono presentare progetti d’impresa?

www.mcpadvisory.it non accetta la presentazione di progetti contrari al buon costume all’etica ed iniziative contrarie alle disposizioni di legge o di forma regolamentare.

5.

Cosa devo fare per cercare nuovi finanziatori?

Ti devi iscrivere nella sezione “Come finanzio il mio progetto” e seguire tutte le istruzioni, pubblicando il progetto e tutti i documenti societari richiesti. Attendere dai 5 ai 7 giorni lavorativi l’esito dell’istruttoria interna prevista dal Comitato di Valutazione della società.

6.

Come è regolamentato l’uso del conto presso il quale confluiranno le sottoscrizioni?

Il conto corrente (c/c) è indisponibile ed è intestato soltanto alla Società richiedente.Su questo conto perverranno le pre-adesioni pertanto, non potrà essere reclamata alcuna forma di interessi da parte degli investitori che, per qualsivoglia motivo, dovessero rientrare in possesso delle suddette somme, prima del perfezionamento del contratto

7.

Gli aderenti possono revocare la propria pre-adesione?

Si, A degli investitori non professionali non pubblichiamo progetti nei quali le Società richiedenti non consentano agli aderenti di poter rinunciare alla loro pre-adesione, fino al giorno precedente il perfezionamento dell’operazione  (non della chiusura della campagna di adesione). Quindi facendo un esempio pratico. Il giorno 2 gennaio dell’anno 20xx, viene pubblicata una richiesta di finanziamento per euro 100.o00 a 5 anni al 5%, con rimborso mensile o trimestrale del capitale e degli interessi). La campagna in pre-adesione dura fino al 30 aprile 20xx. Il perfezionamento per atto pubblico fra le parti avviene in data 15 maggio 20xx. E’ consentito il recesso immotivato fino al 30 aprile 20xx. Mentre in assenza di fatti societari nuovi dal 1°maggio al 14 maggio, il recesso dovrà essere motivato da esigenze personali  dell’investitore che non consentono l’adesione al progetto. Ciò a tutela di entrambi i contraenti.

Dal giorno 15 maggio 20xx (giorno di sottoscrizione dell’impegno e fino alla scadenza non sarò possibile chiedere il rimborso anticipato. E’ invece facoltà della Società richiedente  provvedere all’estinzione  anche anticipata, sulla base delle regole indicate in ciascuna formula di contratto proposto.

8.

Come faccio a recedere dopo la pre-adesione e prima  del perfezionamento dell’operazione?

invia una mail  a dirittorecesso@mcpadvisory.it

9.

Quali tipi di contratti di finanziamento potrà proporre la società richiedente?

Uno fra quelli previsti nell’elenco della pagine Come finanzio il mio progetto fatta eccezione per gli aumenti di capitale che sono gestiti unicamente dal nostro portale https://www.leonardoequity.com/

10.

Come si perfeziona la Richiesta?

Se l’adesione ha raggiunto  la soglia minima, tutti gli aderenti verranno convocati presso il notaio individuato dalla Società per la stipula del contratto di finanziamento. Se si tratta di altre operazioni diverse dal finanziamento, le modalità di perfezionamento saranno descritte nel regolamento pubblicato nel progetto.

11.

Cosa succede se l’offerta non supera la richiesta?

La richiesta contiene una soglia minima al di sotto della quale la Società richiedente non ha interesse a stipulare alcun accordo in quanto insufficiente a raggiungere gli obiettivi dichiarati.

Pertanto la Società richiedente, alla scadenza della campagna di adesione provvederà alla restituzione delle somme ricevute in sede di pre-adesione.

12.

Cosa succede se l’ammontare raccolto  supera la Richiesta?

La richieste contiene una somma massima al di sopra della quale la Società richiedente non ha interesse a stipulare alcun accordo in quanto l’onere del finanziamento non è stato stimato in sede di piano.

Pertanto la Società richiedente, alla scadenza della campagna di adesione provvederà alla restituzione delle somme ricevute, eccedenti il massimo richiesto ricevute in sede di pre-adesione.

13.

Quali sono le disposizioni di legge in materia di finanziamenti alle imprese?

Il tema del finanziamento alle imprese non è oggetto di una normativa o di una regolamentazione come invece è accaduto per l’equity crowdfunding.  Nel link  https://www.mcpadvisory.it/normativa/  troverai un’ampia panoramica di tutte le disposizioni in materia che sono previste dal Codice Civile, dal Testo Unico Bancario e dal Regolamento Emittenti, nonché dai documenti diffusi dalle massime Autorità (Banca d’Italia e Consob) a tutela del pubblico risparmio.

14.

Quale ruolo svolge la Vostra Società nei progetti che presentate?

La nostra consulenza, come scriviamo nella home page può accompagnare le Società dalle fasi preliminari del progetto fino alla definizione del soluzioni finanziarie che riteniamo più idonee per raggiungere l’obiettivo del cliente.

Oppure ci possiamo limitare a pubblicare la richiesta di finanziamento. In quest’ultimo caso, a tutela della nostra immagine e degli interessi dei finanziatori, effettuiamo una serie di controlli incrociati sia sulla società, sia sui vertici della società Richiedente al fine di verificare la completezza dei documenti e delle dichiarazioni a noi rilasciate.

15.

Un finanziatore può chiedere di far parte del consiglio d’amministrazione?

Sì, anzi a seconda dell’importo oggetto del prestito, l’investitore può spuntare condizioni di favore, oppure stipulare patti tali da incidere sul governo societario (Corporate Governance).

16.

Avete una politica per la gestione dei conflitti d’interesse?

Si, siamo stati particolarmente rigorosi con noi stessi, tanto nelle operazioni i equity tanto in quelle di debito. Consulta la pagina /https://www.mcpadvisory.it/misure-per-il-conflitto-di-interesse/ 

17.

Avete un ruolo specifico nel collocamento degli strumenti di debito?

 No, non svolgiamo alcuno dei ruoli riservati ai soggetti professionali e vigilati dalla Banca d’Italia.Non sollecitiamo stimoliamo, suggeriamo o raccomandiamo l’adesione ai progetti pubblicati, neppure a quelli nei quali siamo stati coinvolti fin dalle fasi preliminari. Ciò a motivo del fatto che il rischio d’impresa da un lato e il rischio di adesione non sono sotto il nostro controllo.  Ti chiediamo di prendere visione del contenuto della pagina   https://www.mcpadvisory.it/limiti-di-responsabilita/

18.

La Società richiedente, distribuisce quote o azioni e quali diritti attribuiscono ai sottoscrittori?

In questo portale, le Società richiedenti non distribuiscono quote o azioni. Viene chiesto alla rete una partecipazione a titolo di finanziamento. Quindi, se credi nel progetto e vuoi supportare la società assumerai lo status di finanziatore creditore della Società. L’unica possibilità  di diventare socio della Società richiedente e che essa emetta un prestito obbligazionario convertibile e che le regole ed il valore delle azioni siano valutate da te convenienti, in sede di conversione.

19.

Chi investe nel progetto può beneficare di agevolazioni fiscali?

Alla data di redazione dei contenuti della presente fa, non ci risulta alcuna agevolazione in materia.

20.

E’ possibile espletare un’attività di due-diligence?

Sì, ovviamente i costi dei professionisti impegnati in quest’attività fanno capo a chi la richiede.